A MANO LIBERA

PRIMA OSSERVAZIONE: Che fine ha fatto rayproduction.com?

Non esiste più o meglio, è diventato tutto questo. Fatevene una ragione.

SECONDA OSSERVAZIONE: Che fine ha fatto il vecchio logo? E cosa centra il tipo col sombrero?

Volevo staccarmi dalla vecchia concezione che il vecchio logo rappresentava. Questo mi rappresenta di più, rappresenta le mie origini messicane e anche il nome RayProduction non è più scritto con la @ al posto della A. Ray è il diminutivo della mia sorellina messicana Rainette per cui questo nuovo sito lo dedico a lei e alla mia famiglia messicana.

TERZA OSSERVAZIONE: Si ok, ma quindi cosa troviamo qui?

“A Mano Libera” è il mio blog (non ne facevo uno dai tempi di MSN). Qua c’è tutto quello che ho scritto, ma proprio tutto, dalle cavolate storiche alle cose un po’ più elaborate e pensate un po’, le potete anche scaricare. Si perchè dato che la mia mente di idee ne ha parecchie, alcune di dubbio valore, altre decenti, mi son detto “perchè non liberare un po’ di spazio dal mio portatile e metterle tutte in rete?”. Quindi qui scriverò e basta, nulla più.

QUARTA OSSERVAZIONE: e quindi?

E quindi se di tanto in tanto vi annoiate e volete leggere qualcos’altro, qui potete farlo e non solo. Se siete persone che lavorano nell’ambito dello spettacolo, qui troverete diverse idee che metto a disposizione per chiunque voglia svilupparle (cinema, tv, teatro, web). Dove trovate la “S” vuol dire che sono cose registrate in SIAE per cui se volete utilizzarle è il caso che mi avvertiate, per tutto il resto fatene ciò che più vi aggrada.

NOTA DELL’AUTORE: Questo template non supporta le lettera “E” accentata, geniale! Non fateci caso.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

LA MORTE VA IN VACANZA

La mia iniziazione al mondo del teatro è avvenuta con questo spettacolo che altro non è che una trasposizione teatrale del film “Vi presento Joe Black” con Brad Pitt e Antony Hopkins. Non mi è mai piaciuta l’idea di rifare un testo teatrale già edito per cui volevo tentare con qualcosa di nuovo, ovvero prendere un film e riportarlo pari pari in teatro. Operazione già fatta da colleghi molto più in gamba di me. Il bello è che nel corso delle prove ho scoperto che il film del 1998 è un remake di un film dal titolo “La morte in vacanza” del 1934 che a sua volta è la trasposizione cinematografica di uno spettacolo teatrale ITALIANO dal titolo “La morte va in vacanza”. Insomma da che doveva essere un esperimento originale si è rivelato qualcosa di assolutamente già fatto. Triste storia.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.